PrivatiBlog7 informazioni sull'utilizzo di un donatore per creare una famiglia
Genitori di figli concepiti con l’aiuto di un donatore

7 informazioni sull'utilizzo di un donatore per creare una famiglia

By Cryos | 10/28/2021
Un bambino felice concepito con l'aiuto di un donatore

Per molti l'utilizzo di un donatore come mezzo per diventare genitori rappresenta un mondo completamente nuovo e può causare un po' di confusione. In questo articolo proponiamo alcune informazioni utili nel percorso che porta a diventare genitori di un bambino concepito con l'aiuto di un donatore.

1. Per alcuni concepire un figlio con l'aiuto di un donatore è una scelta attiva, mentre per altri costituisce il "piano B"

Sono molte le persone che si affidano a una banca del seme o degli ovuli per realizzare il sogno di formare una famiglia. Per alcuni rivolgersi a una banca dei gameti rappresenta il piano A, mentre in altri casi è il piano B. Avvalersi di un donatore per una gravidanza è infatti una scelta ovvia per le coppie omosessuali, mentre in altri casi il ricorso a una banca dei gameti non rientrava nel piano iniziale. Le coppie con problemi di infertilità cercano per lungo tempo di concepire, con numerosi tentativi, prima di rivolgersi a una clinica della fertilità o a una banca del seme e degli ovuli.

Proprio come accade alle coppie con problemi di infertilità, molte donne e molti uomini che diventano genitori single avrebbero voluto creare una famiglia con un/una partner, prima di accorgersi di aver perso l'opportunità o di non poterla cogliere. Negli ultimi 4 anni abbiamo riscontrato un aumento del numero di donne single che desiderano creare una famiglia con l'aiuto di un donatore di seme. Più della metà delle persone che si rivolgono a Cryos sono madri single per scelta e non si tratta sempre di donne che ricorrono al seme di donatore come piano B: alcune scelgono di essere madri single perché vogliono crescere un figlio in autonomia.

2. In alcuni casi può essere necessario recarsi all'estero per sottoporsi al trattamento o per scegliere il donatore ideale

Nel 2020, il 23% delle nostre clienti ha dovuto spostarsi all'estero per potersi sottoporre a un trattamento di fertilità; quando si attraversano le frontiere per sottoporsi a un trattamento e formare una famiglia si parla di turismo della fertilità.

Il turismo della fertilità è quasi sempre determinato dalle norme di legge del Paese di residenza delle nostre clienti private. Esistono moltissime regole diverse nel campo dei trattamenti con gameti di donatore (seme e ovuli), nei vari Paesi del mondo. In alcuni, ad esempio, è possibile scegliere un donatore identificabile (con identità rilevabile), mentre in altri non è consentito e in altri ancora è l'unica scelta possibile. A seconda delle preferenze personali potrebbe essere necessario recarsi all'estero per poter scegliere il tipo di donatore desiderato.

Un altro fattore alla base del turismo della fertilità può essere l'orientamento sessuale o il tipo di relazione. In alcuni Paesi alle cliniche della fertilità non è consentito aiutare le coppie lesbiche e le donne single che desiderano un figlio. Se hai qualche domanda sulle leggi in materia di trattamenti di fertilità nel tuo Paese, contatta il nostro Servizio clienti all'indirizzo [email protected] 

Una madre single per scelta che vuole crescere il proprio figlio da sola

Essere una madre single per scelta spesso richiede supporto e aiuto

3. È importante ricevere il massimo sostegno possibile: partecipa a una community o a un gruppo di supporto

Anche se diventare genitori con l'aiuto di un donatore sta diventando sempre più frequente, è ancora un percorso non convenzionale, quindi può capitare di sentirsi isolati. Ma non si è mai soli: esistono molte community online che ti offriranno supporto e consigli sul percorso verso la formazione di una famiglia.

Abbiamo creato un gruppo su Facebook chiamato "Family Dreams" per tutte le persone che stanno pensando di avere un bambino (o l'hanno avuto) con l'aiuto di un donatore. Partecipare a una community come "Family Dreams" può aiutarti a superare alcuni ostacoli e a trovare sostegno nel percorso verso la creazione di una famiglia. Se hai problemi di infertilità e desideri approfondire l'argomento ti consigliamo anche i forum di supporto online di All About Fertility, sia per gli uomini che per le donne.

4. Ci sono altri aspetti da considerare per formare una famiglia ricorrendo al seme di donatore

Se desideri avere un figlio con l'aiuto di un donatore, dovrai considerare alcuni fattori in più rispetto a quelli consueti legati al fatto di avere un bambino:

  • Trovare la clinica: dopo che avrai scelto la clinica di fertilità potremo aiutarti con i gameti di donatore. È importante trovare la clinica ottimale, perché potrebbe essere necessario frequentarla spesso e a seconda del tipo di percorso seguito potresti essere piuttosto sensibile alle emozioni, quando ti sottoponi al trattamento.
  • Scegliere il tipo di donatore desiderato: nella scelta del donatore di seme è necessario decidere se optare per un donatore con profilo esteso o con profilo base e se scegliere un donatore con identità rilevabile o con identità non rilevabile. Prima della scelta ti consigliamo di seguire i link proposti e leggere le diverse opzioni.
  • Scegliere il donatore: una volta individuata la clinica di fertilità è necessario trovare il donatore di seme ottimale in base alle proprie preferenze: caratteristiche fisiche, origine, titolo di studio e così via. Cryos permette di visualizzare e filtrare i donatori in base a diversi parametri nella propria Lista di donatori.
  • Inoltrare l'ordine: in base alla clinica e al tipo di trattamento che hai scelto dovrai inoltrare un ordine specifico, specificando la motilità degli spermatozoi. In alcuni casi potrebbe occuparsene direttamente la clinica, mentre altre cliniche ti consiglieranno di inoltrare l'ordine personalmente. In ogni caso è importante che l'ordine sia corretto: chiedi indicazioni alla clinica della fertilità o al Servizio clienti di Cryos.
  • Valuta se conservare dei gameti per eventuali trattamenti futuri: può essere una buona idea prenotare delle paillettes di seme, se desideri che tuo figlio un giorno abbia un fratello/una sorella genetico/a.

5. È importante scegliere il profilo del donatore ottimale per te e per il tuo futuro bambino

Scegliere un donatore tra i tanti disponibili può essere un po' complicato, ma è una decisione importante che avrà conseguenze rilevanti sul tuo bambino. Ovviamente le caratteristiche fisiche del donatore di seme sono importanti, se desideri che tuo figlio assomigli a te o al tuo partner. Il 79% delle nostre clienti afferma che i tratti fisici sono il fattore principale, nella scelta del donatore.

Oltre all'aspetto fisico però occorre considerare il livello di informazioni a cui tuo figlio potrà accedere quando compirà 18 anni: per questo dovrai scegliere tra un profilo base e un profilo esteso. Scegliendo un donatore con un profilo base le informazioni disponibili riguarderanno solo caratteristiche fisiche come il colore dei capelli e degli occhi, l'origine, l'etnia e così via, mentre con un profilo esteso avrai informazioni più personali, come il titolo di studio, il background familiare e una foto del donatore da bambino.

Oltre al livello delle informazioni è necessario decidere se optare per un donatore con identità rilevabile o con identità non rilevabile. Nel caso di un donatore con identità rilevabile, quando tuo figlio compirà 18 anni potrà contattarlo. Nella maggior parte dei casi (oltre la metà) le nostre clienti scelgono un donatore con identità rilevabile e profilo esteso. Per alcuni consigli su come scegliere il donatore ti consigliamo di leggere la guida alla scelta del donatore di seme.

La scelta del donatore è importante per il futuro di tuo figlio

6. Il tuo bambino concepito con l'aiuto di un donatore non deve essere per forza il primo

Alcuni genitori di bambini concepiti con l'aiuto di un donatore hanno la fortuna di avere già altri figli, in alcuni casi concepiti grazie a donatori e in altri no. Molti desiderano dare al loro piccolo un fratellino o una sorellina e accade spesso di trovare nella stessa famiglia più figli concepiti con il supporto di un donatore. La percentuale di famiglie in cui c'è già un figlio è più alta tra le coppie omosessuali e quelle con problemi di infertilità che hanno figli nati da relazioni precedenti.

Ma non sono solo le famiglie omosessuali e le coppie con problemi di infertilità ad avere già dei figli; ci sono anche casi di madri single per scelta che vogliono dare un fratello o una sorella al loro bambino e coppie con problemi di infertilità secondaria che dopo una gravidanza riuscita devono affidarsi al seme di donatore o agli ovuli di donatrice.

7. Un bambino concepito con l'aiuto di un donatore è un bambino come tutti gli altri

Spesso ci si preoccupa del benessere dei bambini concepiti con l'intervento di un donatore ma è una preoccupazione infondata: gli studi svolti dimostrano che chi è stato concepito con l'aiuto di un donatore generalmente sta molto bene. Come spiega Susan Golombok, docente di ricerca familiare:

"I bambini crescono benissimo in qualsiasi tipo di famiglia. Le cose importanti sono la qualità dei rapporti tra figli e genitori e il livello di accettazione della loro famiglia nella società in cui vivono".

Inoltre i genitori hanno fatto tutto il possibile per avere un figlio e quest'ultimo deve saperlo: la ricerca mostra anche che è importante essere sinceri a proposito di come il bambino è stato concepito e parlargliene fin da quando è piccolo. Consideriamo l'esempio di Emma, concepita con l'aiuto di un donatore, alla quale è stata raccontata la sua storia fin da quando era piccolissima.