PrivatiBlogAllattamento al seno: consigli e spiegazioni dell'ostetrica
Gravidanza

Allattamento al seno: consigli e spiegazioni dell'ostetrica

di Cryos | 6/7/2022
Una madre che allatta il suo bambino

Molte donne incinte desiderano allattare al seno il proprio bambino dopo la nascita perché l'allattamento al seno è spesso associato allo stare insieme e all'attaccamento al bambino. L'allattamento al seno è fisicamente possibile per la maggior parte delle donne, indipendentemente dalle dimensioni del seno e dall'aspetto fisico. L'allattamento al seno è qualcosa che si deve imparare e praticare insieme al proprio bambino. Leggete questo articolo per avere dei consigli sull'allattamento al seno.

Si tratti di una madre single per scelta, di una coppia lesbica o di una coppia eterosessuale, non è garantito che il vostro bambino inizi immediatamente a mangiare. Potrebbe volerci del tempo prima che il bambino impari la giusta tecnica di suzione e che la madre si renda conto che il suo latte è abbastanza buono per il bambino. Quando si allatta al seno non è possibile vedere quanto latte assume il bambino, quindi si deve aver fiducia che il proprio bambino si nutra secondo il bisogno.

Per alcune mamme il non sapere quanto latte riceva il bambino può essere motivo di insicurezza e preoccupazione, anche se il bambino sta crescendo e sta prendendo peso. Vi consiglio di prepararvi prima del parto leggendo sull’allattamento al seno, così da conoscere questo processo e quello che succede nel corpo quando il vostro bambino nasce e il latte inizia ad arrivare. Potete leggere di più sul blog su come prepararvi per l'allattamento al seno e sull’allattare la prima volta nel post "Le prime settimane dopo la nascita". 

Una madre e il suo neonato dopo l'allattamento

Latte materno

Il vostro latte materno è specificamente destinato al vostro bambino. Si adatta alle esigenze del vostro bambino e contiene tutti i nutrienti e i liquidi di cui il vostro bambino ha bisogno. Il latte materno è il miglior nutrimento per il vostro bambino e l'allattamento al seno presenta una vasta gamma di benefici sia per la salute della madre che per quella del bambino.

Proprio perché si adatta alle esigenze del vostro bambino, il latte materno contiene tutte le vitamine, i minerali e gli anticorpi importanti di cui il vostro bambino ha bisogno. La ricerca ha dimostrato inoltre che il latte materno riduce il rischio di asma, di allergie e dell’otite media, e che le donne che allattano hanno un minor rischio di sviluppare la depressione post partum, una minore possibilità di contrarre il cancro al seno o alle ovaie e una riduzione del rischio di contrarre il diabete di tipo 2.

Il primo latte che compare subito dopo la nascita si chiama colostro. Il colostro è un liquido denso e giallastro che ha un alto contenuto proteico e contiene anticorpi che contribuiscono a rafforzare il sistema immunitario del vostro bambino fin dalla nascita. Il colostro arriva in piccole quantità e verrà sostituito dal vero latte dopo pochi giorni. Il vero latte materno è meno denso e di colore più bianco del colostro. Potrete sentire la differenza nel vostro seno quando il vero latte inizierà a fluire. I vostri seni diventano più grandi, più pesanti e i vasi sanguigni diventano più visibili. Può essere difficile per il vostro bambino eseguire una presa adeguata attorno al capezzolo perché il seno diventa troppo pieno e duro. Potrebbe richiedere quindi uno sforzo extra all'inizio ma, una volta che la quantità di latte si sarà adattata alle esigenze del vostro bambino, tutto diventerà più facile.

Se è troppo difficile per il bambino afferrare correttamente il capezzolo, può essere un'idea pompare a mano un po' di latte, in modo che il seno diventi più morbido. Ricordatevi tuttavia di non stimolare troppo durante l'uso della pompa, sia manuale che con il tiralatte, perché potrebbe aumentare la produzione di latte. Il latte materno funge da offerta su richiesta. Più il bambino succhia o più ne pompate voi, più latte viene prodotto. In questo modo dovreste finire per produrre esattamente la quantità di latte di cui il vostro bambino ha bisogno.

Cosa succede se il latte materno non arriva?

Se il latte materno non arriva entro 3 o 4 giorni dopo il parto, è importante fare attivamente qualcosa per aumentare la produzione. Un motivo per la mancata produzione di latte potrebbe essere che il vostro bambino sta usando una tecnica di suzione sbagliata o che avete iniziato ad allattare troppo tardi. Per far sì che la produzione di latte abbia le migliori possibilità di successo, è importante iniziare l'allattamento al seno entro sei ore dalla nascita. Anche l'uso di tettarelle o di tiralatte può influire sulla produzione del latte, in quanto il seno non viene stimolato a sufficienza.

Una madre e il suo bambino concepito da donatore dopo l'allattamento

Altri motivi per cui il latte non arriva entro 3 o 4 giorni:

  • Stress fisico o mentale
  • Grande perdita di sangue dopo la nascita
  • Parto complicato o taglio cesareo
  • Il bambino non è stato posizionato sul seno entro sei ore dalla nascita
  • La madre soffre di PCOS
  • Malattia metabolica della madre
  • Chirurgia al seno

Se la tecnica di suzione è sbagliata, è importante correggerla il più velocemente possibile. Potrebbe essere necessario chiedere aiuto a un consulente per l'allattamento al seno o a un'ostetrica, che possano aiutare a portare la bocca del bambino nella giusta posizione attorno al capezzolo. Potrebbe essere inoltre una buona idea iniziare a pompare, così da aumentare la produzione di latte. Usare il tiralatte dopo ogni allattamento, su entrambi i seni, in modo da non "prendere" il latte dal bambino, ma stimolare invece il seno dopo la fine dell'allattamento.

Qual è la differenza tra latte materno sottile e denso?

Il latte materno si può distinguere in latte sottile e denso. Una volta che il latte è stato prodotto e viene immagazzinato nelle ghiandole mammarie, si "separerà" in modo che le particelle di grasso si attacchino all'interno delle ghiandole mammarie, mentre il latte liquido nelle ghiandole conterrà una quantità inferiore di grasso. Quando il latte inizia a colare, arriverà prima il "latte sottile" con una minore percentuale di grassi, seguito dal latte denso con un'alta percentuale di grassi man mano che le ghiandole mammarie si stanno svuotando.

Si potrà distinguere il latte sottile e quello denso in base al colore. Il latte sottile sarà bianco latte, con una sfumatura bluastra. Ciò è dovuto alla bassa percentuale di grassi. Il latte sottile si può paragonare al latte scremato. Il latte denso ha un colore biancastro e può essere paragonato al latte intero.

Affinché il vostro bambino aumenti di peso, è importante che riceva il latte grasso e ricco di proteine che arriva alla fine della poppata. Pertanto è importante che il bambino durante la poppata svuoti un seno prima di passare all'altro seno. Il vostro bambino ha bisogno di lavorare di più per ricevere il latte denso e potreste essere in grado di sentire che la tecnica di suzione del vostro bambino cambia durante la poppata.

Quanto spesso dovrebbe mangiare il mio bambino?

Non ci sono regole specifiche per quando e per quanto tempo il vostro bambino dovrebbe allattare. Ma un neonato, in generale, dovrebbe mangiare almeno otto volte al giorno. Il bambino dovrebbe avere libero accesso al seno e dovrebbe essere allattato al seno ogni volta che dia segno di aver fame.

Precedentemente c'era consenso tra gli operatori sanitari sul fatto che il bambino dovesse essere allattato al seno ogni 3 o 4 ore. Questo è semplicemente sbagliato e falso. Un bambino dovrebbe avere libero accesso al seno perché l'allattamento al seno ha molti altri effetti positivi rispetto alla nutrizione. Esso funge da conforto se il bambino è irrequieto, sconvolto o ha solo bisogno di stare vicino alla madre. È importante non negare mai al bambino l'accesso al seno per l'allattamento. Studi recenti dimostrano che lo stomaco dei neonati trae beneficio dall'allattamento frequente al seno e che non è affatto insolito allattare al seno ogni ora o anche più spesso. Lo stomaco di un neonato è molto piccolo e non può contenere grandi quantità di latte. È quindi necessario che l’allattamento al seno sia frequente. Il latte materno viene inoltre digerito più velocemente e per mantenere stabile lo zucchero nel sangue il bambino richiederà di allattare frequentemente. L'allattamento frequente al seno NON è quindi segno di troppo poco latte o di un'alimentazione insufficiente nel latte, ma solo segno di un bambino sano.

Le autorità sanitarie danesi raccomandano inoltre che i bambini siano completamente allattati al seno fino all'età di 6 mesi e parzialmente allattati al seno per 12 mesi o più.

Una madre sdraiata a letto e che allatta il suo bambino

Come posso assicurarmi che il mio bambino riceva abbastanza latte materno?

Durante le prime settimane, il contenuto del pannolino vi dirà se il vostro bambino riceva abbastanza latte materno. Un minimo di cinque o sei pannolini bagnati al giorno e le sue feci ogni giorno, saranno segno del benessere del vostro bambino. Le feci dovrebbero inoltre cambiare colore durante i primi quattro o cinque giorni dopo la nascita. Dopo sei settimane il vostro bambino dovrebbe continuare ad avere pannolini pesanti ogni giorno. Ma se il vostro bambino riceve solo il latte sottile, potrebbero passare fino a due settimane tra i pannolini che contengono le feci. Ciò è dovuto al fatto che il latte materno è appositamente destinato per il vostro bambino e quindi il corpo digerisce tutto il latte materno.

Troppo poco latte materno

Molte neomamme a un certo punto si preoccuperanno della loro produzione di latte chiedendosi se abbiano abbastanza latte per allattare il loro bambino. Per la maggior parte delle mamme non c'è bisogno di preoccuparsi, ma per alcune questo le farà smettere di allattare.

I segni di avere troppo poco latte sono:

  • Pochi pannolini bagnati e pochi pannolini con feci
  • Che il bambino è letargico e passivo
  • La fontanella quadrata sopra la testa del bambino è rientrata
  • Scarso aumento di peso o perdita di peso
  • Mancanza di benessere

Se si verificano alcuni dei segni di cui sopra, vi consiglio di consultare un'ostetrica o un consulente per l'allattamento al seno. Ci sono diverse tecniche che possono essere utilizzate per aumentare la produzione di latte. Il motivo per cui c’è troppo poco latte risiede spesso nella quantità di latte che viene rimossa dal seno. Quando il latte viene rimosso dalle ghiandole mammarie, viene inviato un segnale al cervello che è necessario produrre più latte. Ma se il seno non viene svuotato a sufficienza, non ci sarà alcun segnale che inviti a produrre più latte.

Anche i seguenti aspetti possono essere all’origine di una scarsa produzione di latte:

  • Una posizione di allattamento per la quale il bambino non ottenga una presa adeguata attorno al capezzolo
  • Una tecnica di suzione che può essere complicata da una legatura della lingua o dalla tensione delle guance
  • Ormoni dello stress che inibiscono il riflesso di deflusso del latte
  • Allattamento al seno troppo breve
  • Eccessiva durata del sonno, soprattutto di notte
  • Integrazione con latte artificiale senza pompaggio
  • L'uso di tettarelle per l'allattamento

La cosa importante è avviare la produzione di latte e inviare un segnale al cervello per la produzione di più latte. Ciò può avvenire in molti modi. Uno di questi consiste nel rimanere sdraiati pelle a pelle con il vostro bambino, dato che questo aiuta a innescare gli ormoni necessari per produrre latte. Offrite al vostro bambino il seno il più spesso possibile e cambiate lato frequentemente in modo che il seno sia stimolato a produrre più latte. Può essere anche un'idea pompare con un tiralatte o a mano. Bisognerebbe farlo subito dopo la poppata al seno in modo da non prendere il latte dal vostro bambino e svuotare completamente il seno e stimolarlo a produrne di più.

È anche importante ricordare che un seno morbido NON è necessariamente segno di troppo poco latte, ma piuttosto che il latte si è adattato secondo la giusta quantità per il vostro bambino.

Un bambino che assume latte artificiale da un biberon

Si può usare il latte artificiale come supplemento all'allattamento al seno?

Il latte artificiale è un integratore per un allattamento al seno con bassa produzione di latte o per i bambini che non vengono allattati al seno. Gli alimenti per l'infanzia sono fatti con latte vaccino che è stato trattato e a cui è stato aggiunto ferro, nonché tutti i nutrienti presenti nel latte materno. La concentrazione di nutrienti nel latte artificiale è tuttavia più alta, perché non vengono assorbiti così come i nutrienti nel latte materno. I nutrienti extra vengono escreti nelle urine e non sono dannosi per il bambino. Il latte artificiale è molto simile al latte materno ed è importante tenere presente che se l'allattamento al seno non si rivelasse possibile, non è un peccato usare il latte artificiale. Il vostro bambino riceverà la maggior parte dei medesimi nutrienti che riceverebbe se fosse allattato al seno. Come neomamma può sembrare una vergogna e un'enorme sconfitta se l'allattamento al seno fallisce. È importante ricordare che ognuno è diverso e che non si è una madre migliore perché si sta allattando.

Se si inizia a integrare con il latte artificiale in un biberon, c'è il rischio che la produzione di latte diminuisca dato che il bambino mangia meno dal seno. In questo modo non si risolve quindi il problema del troppo poco latte, in quanto la produzione di latte avviene in base alle richieste del bambino. Ci sono altri modi per integrare con il latte artificiale durante l'allattamento al seno se si verifica che il bambino non riceve abbastanza nutrimento. Questo potrebbe essere un sistema Lact-aid oppure la somministrazione di latte in polvere successivamente in una tazza. Un consulente per l'allattamento al seno può aiutarvi per queste soluzioni.

Se scegliete di somministrare un sostituto del latte materno come integratore in un biberon, ma desiderate mantenere l'allattamento al seno e la produzione di latte, potrebbe essere un'idea estrarre il latte usando un tiralatte. Servendovi del tiralatte, potrete mantenere la richiesta di latte e una produzione abbondante.

L’uso di un sostituto del latte materno e l'allattamento artificiale potrebbero porvi in seguito una nuova problematica, nel caso che il vostro bambino rifiuti il seno perché il latte è più facilmente accessibile attraverso il biberon. Il bambino viene quindi abituato a non lavorare così duramente per succhiare il latte, inducendo il bambino a preferire il biberon all'allattamento al seno. Nei bambini appena nati, ciò può anche confondere la tecnica di suzione del bambino, dato che la tecnica del succhiare dal biberon è diversa rispetto al seno. Sarebbe allora meglio somministrare l'integratore in una tazzina piuttosto che nel biberon, così che il bambino non debba affrontare modi diversi di succhiare.

Nei bambini più grandi, dove l'allattamento al seno è ben consolidato, spesso non è un problema somministrare ogni tanto un biberon di sostituto del latte materno. Non è qualcosa che influenzerà la produzione di latte a meno che ciò non avvenga quotidianamente. In tal caso la produzione di latte diminuirà perché il bambino riceve un pasto in meno dal seno.

Posso continuare ad allattare se sono infetta da Covid-19?

Sì. Le autorità sanitarie danesi e l'OMS raccomandano di continuare ad allattare al seno nonostante si sia contagiati dal Covid-19, in quanto i benefici dell'allattamento al seno superano qualsiasi rischio. È importante NON isolarsi dal bambino e continuare invece a dargli la vicinanza e la sicurezza di cui ha bisogno.

Nessuno studio ha dimostrato la presenza del coronavirus nel latte materno delle madri che allattano. Pertanto non c'è motivo di essere nervosi o interrompere l'allattamento al seno a causa del rischio di infezione da Covid-19.

Alcune madri sperimentano che la loro produzione di latte può diminuire se hanno un virus nel corpo. Questo è normale e la produzione di latte aumenterà di nuovo una volta che la malattia sarà superata. È importante ricordarsi di prendersi cura di se stessi assumendo liquidi e di riposare durante la malattia.

L'UNICEF e l'Associazione delle ostetriche hanno adottato le seguenti linee guida se si è contagiati da Covid-19 e si stia allattando un neonato:

  • Allattare al seno se lo si desideri
  • Seguire i consigli di igiene generale sul lavaggio delle mani, ecc.
  • Lavare il seno con acqua e sapone prima di allattare
  • Utilizzare una mascherinsa durante l'allattamento al seno o altri contatti ravvicinati con il bambino così da ridurre il rischio di infezione

Si consiglia inoltre di vaccinarsi per COVID-19 durante l'allattamento. Nessuno dei vaccini approvati dall'OMS attualmente in uso contiene il virus vivo, quindi non c'è il rischio di trasmettere il virus al vostro bambino attraverso il latte materno.

Mi chiamo Julie, sono un'ostetrica qualificata e lavoro presso il Servizio clienti Cryos. Sono ostetrica da 6 anni e ho esperienza in diversi reparti maternità; ho lavorato anche in Uganda. Sul blog di Cryos metto a disposizione conoscenze specialistiche sulla fertilità, la gravidanza e il parto. Spero di poterti aiutare a realizzare il sogno di avere un figlio.

Julie
Julie