PrivatiBlogAvere un figlio: il percorso di Julie e Camilla verso la maternità
LGBT

Avere un figlio: il percorso di Julie e Camilla verso la maternità

Julie e Camilla al mare

Julie e Camilla non volevano figli… fino a quando si sono incontrate. Qui puoi scoprire il loro percorso per formare una famiglia, conoscere la loro esperienza verso la maternità, come hanno scelto il donatore di seme, la loro opinione sullo spiegare al loro bambino che è stato concepito grazie a un donatore.

Iniziare il viaggio della fertilità

Non ho mai voluto figli. Non fraintendetemi: adoro i bambini e mi piace il loro profumo più di quanto io osi ammettere… però non ne volevo uno tutto mio. Almeno fino a quando ho incontrato Julie, in realtà… e ho capito che il vero amore non era ancora entrato nella mia vita e che il mio desiderio di avere una famiglia era svanito nel buio come un germoglio che aspetta l'arrivo dei raggi del sole.

Gliene ho parlato qualche mese dopo l'inizio della nostra relazione e con stupore e grande piacere ho scoperto che anche lei voleva un figlio, che non ero la sola a voler mettere al mondo il frutto del nostro amore. Ma il percorso per realizzare quel desiderio è stato complicato: che procedura devono seguire due donne che si amano e che vogliono donare la vita?

Dopo aver letto tutto quello che abbiamo trovato su Google abbiamo deciso di rivolgerci a una clinica di fertilità perché abbiamo capito che c'erano molte scelte da fare e che il percorso per una gravidanza avrebbe potuto facilmente diventare lungo e impegnativo. Volevamo trovare un partner affidabile, che ci seguisse in ogni fase del percorso, così abbiamo scelto una clinica privata norvegese di cui avevamo sentito parlare bene e siamo arrivate alla nostra prima visita entusiaste e un po' nervose. Ci siamo sottoposte a prelievi di sangue, esami delle ovaie e dell'utero… e abbiamo superato il primo ostacolo: "a quanto pare è tutto a posto, per rimanere incinta". Contemporaneamente abbiamo scoperto che in Norvegia era stato approvato da poco un nuovo metodo: la "donazione da una partner", che consente alle coppie lesbiche di fecondare gli ovuli di una partner e di impiantare poi l'embrione nell'utero dell'altra. 

Avremmo davvero potuto avere un figlio insieme "normalmente"?

Eravamo felici, nervose ed entusiaste; seguendo i consigli della clinica abbiamo subito iniziato a cercare dei potenziali donatori di seme di Cryos International. In quel periodo ci siamo anche sposate e siamo partite per la luna di miele.

La prima cosa che abbiamo trovato visitando il sito è stata una pagina estremamente intuitiva e facilmente accessibile, con le informazioni dei diversi donatori. Ci ha anche piacevolmente stupito vedere che tramite Cryos si può accedere ai profili estesi di molti donatori del seme e abbiamo subito capito che la clinica che avevamo scelto era quella perfetta per noi: collaborava con una banca del seme che aveva a cuore la nostra salute, il nostro comfort e la nostra sicurezza, senza lasciare nulla al caso. Perché volevamo davvero era sapere tutto.

Nelle settimane successive abbiamo passato le serate quasi solo a guardare i tramonti di Bali e a sfogliare i profili disponibili sul sito di Cryos. Leggevamo le testimonianze di altre famiglie, i certificati sanitari, i profili psicologici e le lettere personali. Parlavamo del colore degli occhi e dei capelli, dell'altezza e del carattere… finché abbiamo ridotto l'elenco a tre donatori che avevano tutti i requisiti desiderati:

  • in qualche modo erano tutti e tre simili a noi o a qualcuno dei nostri parenti più stretti.
  • Erano stabili, ambiziosi e sensibili.
  • E tutti erano più alti di 180 cm.

È vero, l'altezza non dovrebbe essere un problema, ma con due mamme considerate entrambe piuttosto alte (170 e 176 cm), erano proprio perfetti per noi! 

Julie e Camilla in luna di miele

In Norvegia la legge impone di scegliere tre donatori e di inviare alla clinica l'elenco dei tre, perché alla fine è la clinica a scegliere il donatore; dopodiché, le informazioni che lo riguardano rimangono riservate fino a quando il bambino ha il diritto di richiederle, compiuti i 15 anni. Nervose ed entusiaste abbiamo compilato il modulo, lo abbiamo inviato alla clinica, poi abbiamo aspettato.

È arrivato l'autunno, con i trattamenti ormonali, il prelievo degli ovuli e un impianto con esito negativo… ma eravamo sicure che prima o poi saremmo rimaste incinte. Dovevamo semplicemente avere il coraggio di sperare, il coraggio di essere entusiaste e di ricordare a noi stesse che vale sempre la pena impegnarsi per ciò che si desidera davvero.

Il nostro prossimo tentativo è fissato per venerdì prossimo… a questo punto non ci resta altro che un grande "in bocca al lupo"…

Vorreste altri figli? Se sì, quanti?

Ci piacerebbe avere due figli… se saremo abbastanza fortunate. Ma vogliamo procedere con ordine.

Avete intenzione di parlare a vostro figlio del donatore? Se sì, quando e come? 

Certamente! Crediamo che sia importante essere aperti e sinceri sul percorso che ha portato al mondo il nostro bambino e abbiamo intenzione di parlargliene appena sarà abbastanza grande per capire. O anche prima, se ce lo chiederà. Per noi è estremamente importante che sappia chi è e che conosca le proprie origini!

Avete qualche consiglio per le altre coppie nella vostra stessa situazione? Che stanno per intraprendere il vostro stesso percorso?

Non essere troppo dure con sé stesse e accettare che lo stress e la tensione sono normali, nel percorso. Non sapremmo dire quanti "buoni consigli" abbiamo ricevuto dalle persone più disparate, sul fatto che dovremmo semplicemente "rilassarci e lasciare che le cose vadano come devono andare", ma non funziona proprio così quando ci si sottopone a un percorso di fecondazione in vitro. È un bel peso da portare sulle spalle, è stressante, ma VA BENE COSÌ! La persona che ci segue nel nostro percorso verso la fertilità ne ha fatto un'ottima sintesi: "Se fosse lo stress a impedire di rimanere incinte, non sarebbe mai nato nemmeno un bambino con la fecondazione in vitro"… Teniamolo presente!

Se anche tu, come Julie e Camilla, sei interessata a iniziare un trattamento di fertilità con seme di donatore, segui il link alla nostra guida su come scegliere un donatore di seme.

[Tags]: