PrivatiBlogEssere concepiti grazie a una donatrice di ovuli… e scoprirlo da adulti
Bambini nati con l'aiuto di donatori

Essere concepiti grazie a una donatrice di ovuli… e scoprirlo da adulti

By Cryos | 11/22/2021
Katie always wondered about her body shape and why it was different from her mothers

I genitori di Katie hanno realizzato il sogno di avere un figlio con l'aiuto di una donatrice di ovuli e hanno mantenuto il segreto per 25 anni. A 24 anni Katie ha scoperto per caso di essere stata concepita con l'aiuto di una donatrice.

Svolgendo delle ricerche sul trattamento IVF, Katie si è resa conto all'età di 24 anni che era molto improbabile che fosse stata concepita con gli ovuli di sua madre. Qui puoi leggere la sua storia: come è cresciuta e come si è sentita quando ha capito di essere stata concepita con l'aiuto di una donatrice di ovuli. Ci dà anche alcuni consigli per i genitori di bambini concepiti con l'aiuto di donatori o donatrici.

Madre, padre e figlia. E donatrice

"La mia famiglia è composta da me, dalla mia mamma e dal mio papà, che sono separati; ho un buon rapporto con entrambi e sono orgogliosa di poter dire che mia madre è la mia migliore amica.

Sono stata concepita con l'aiuto di una donatrice di ovuli, ma da piccola non lo sapevo. L'ho scoperto per caso solo l'anno scorso, mentre stavo facendo delle ricerche sui trattamenti IVF."

Scoprire di essere concepiti con l'aiuto di una donatrice

"Ho capito all'età di 24 anni di essere stata concepita con l'aiuto di una donatrice di ovuli. L'ho scoperto da sola, attraverso una semplice ricerca sul trattamento IVF nelle donne anziane: mi sono resa conto che considerando l'età di mia madre al momento della mia nascita era molto improbabile che gli ovuli fossero i suoi, così dopo alcuni giorni di riflessione e di ricerca di informazioni ho trovato il coraggio di chiedere ai miei genitori di dirmi la verità. A quel punto mi hanno raccontato tutto. È stato molto emozionante. I miei genitori sono dispiaciuti di non avermelo detto prima. Dopo che abbiamo parlato mi hanno chiesto scusa e hanno capito che tenere il segreto non è stato utile per nessuno di noi. In realtà non l'hanno mai detto a nessuno, quindi ho dovuto arrivarci da sola ed è stato un duro colpo.

Dopo che l'ho scoperto sono stati molto aperti e onesti; hanno risposto a tutte le mie domande e mi hanno aiutato a cercare informazioni sulla mia donatrice di ovuli e sui miei fratellastri genetici. Il loro sostegno è stato molto importante e ha facilitato un po' le cose, perché so che posso essere sincera con loro e che mi aiuteranno ogni volta che ne avrò bisogno."

Conversazioni sulla donatrice

"Dopo la mia scoperta ho parlato a lungo della donatrice di ovuli con i miei genitori. In queste conversazioni usiamo il termine donatrice, poiché tutti sappiamo cosa significa, penso però che sia una designazione un po' fredda, come se fossi stata creata in laboratorio, quindi preferisco parlare di "genitrice genetica", per via della definizione scientifica di ciò che quella persona è per me. È vero che è la mia madre genetica, ma mi sembra un po' troppo personale, quindi preferisco il termine più generale "genitrice genetica" ma non esiste un modo giusto o sbagliato per riferirsi a lei e magari altre persone concepite grazie a donatrici di ovuli o donatori di seme preferiranno definizioni leggermente diverse.

Ho chiesto ai miei genitori di parlarmi di come hanno scelto la donatrice di ovuli e mi hanno spiegato che mentre stavano cercando una donatrice la clinica ha detto loro di aver trovato la candidata perfetta: una persona con caratteristiche simili a quelle di mia madre. I miei genitori ne sono stati molto felici, perché la somiglianza con mia madre mi avrebbe dato un maggiore senso di appartenenza alla famiglia."

Katie e sua madre sono ottime amiche, nonostante Katie abbia recentemente scoperto di essere stata concepita con l'aiuto di una donatrice di ovuli

Crescere senza conoscere le proprie caratteristiche genetiche

"Sono cresciuta senza sapere nulla di tutto questo, quindi non ho mai avuto domande a proposito delle mie caratteristiche genetiche. Da bambina ho visto foto di mia madre mentre era incinta di me e foto di me insieme lei dopo che ero nata ma non ho mai avuto motivo di dubitare della relazione genetica tra noi. Ora però guardando al passato alcune cose mi sono molto più chiare e capisco me stessa molto meglio, perché fisicamente mi sentivo diversa dalla mia famiglia.

Ad esempio, ho sempre avuto problemi a tenere il peso sotto controllo; anche da bambina ero piuttosto cicciottella e questo da adolescente mi ha reso le cose particolarmente difficili, perché nella mia famiglia erano tutti molto magri. Mi confrontavo costantemente con mia madre che ha sempre avuto una linea impeccabile ma ora che so di essere stata concepita con l'aiuto di una donatrice mi sento molto più a mio agio con il mio corpo. Mi rendo conto che non avrei dovuto passare così tanto tempo a chiedermi perché non fossi bella come mia madre, perché non avevo ereditato i suoi geni; se l'avessi saputo non sarei stata così dura con me stessa o non avrei fatto tutti quei confronti."

Riflessioni sull'essere concepiti con l'aiuto di una donatrice di ovuli

"Avrei preferito che i miei genitori mi dicessero subito che ero stata concepita grazie a una donatrice di ovuli; la sincerità per me è molto importante e se fossero stati più trasparenti non avrei passato tutta la vita a confrontare il mio aspetto fisico con il mio lato non biologico della famiglia. Quel segreto ha compromesso la fiducia tra me e i miei genitori, anche se stiamo lavorando per ricostruirla. Ma non è facile, perché è come se mi avessero mentito per tutta la vita e ora ho bisogno di tempo per riprendermi. Capisco le loro paure e le loro ragioni ma per me è stata dura, perché ho sempre pensato che loro fossero i miei migliori amici e non avessero segreti per me.

Mi piacerebbe poter contattare la mia donatrice e conoscere il suo nome, i motivi che l'hanno spinta a donare e chiederle se a volte pensa a me. Un nome renderebbe tutta la situazione più personale e più positiva, perché potrei dire qualcosa del tipo "Maria" ha fatto una cosa bella per i miei genitori. Penso anche al suo aspetto fisico, perché a volte mi soffermo troppo sul mio e mi chiedo quali siano i tratti della mia genitrice genetica e quali quelli di mio padre.

Se riuscissi a contattare la mia genitrice genetica forse potrei rintracciare anche gli eventuali fratellastri; sono figlia unica e ho sempre desiderato un fratello o una sorella. Ecco perché mi piacerebbe trovare fratellastri concepiti grazie alla mia donatrice: avremmo molto in comune e potremmo sostenerci a vicenda nel nostro singolare percorso."

Alcuni consigli per altre famiglie che hanno figli concepiti con l'aiuto di donatori di seme o donatrici di ovuli

"Il mio consiglio per le famiglie che hanno figli concepiti grazie alla donazione di ovuli o al seme di donatore è quello di essere aperti e sinceri, di dare supporto durante la crescita. L'esperienza personale mi ha insegnato che segreti come questo possono danneggiare le relazioni all'interno della famiglia ed è accaduto sia per me che per i miei genitori. Loro hanno affrontato da soli questa fase, proprio come me, quindi è importante fare in modo che sia una parte positiva della storia di un figlio; nascere con l'aiuto di una donatrice di ovuli è qualcosa che rende unici.

I genitori saranno sempre pronti ad asciugare le lacrime del loro bambino, a coccolarlo quando è spaventato, a ridere e a giocare con lui… e tutto questo non ha che fare con la genetica. Essere concepiti con l'aiuto di un donatore non certo è una brutta cosa; le uniche cose negative sono le bugie e i segreti.

Un altro consiglio che vorrei dare è quello di scegliere un donatore o una donatrice con identità rilevabile, affinché il figlio possa contattarlo o contattarla. I miei genitori non avevano scelta perché negli anni 90 le donazioni erano consentite solo in forma anonima (con identità non rilevabile). Contattare la donatrice è uno dei miei più grandi desideri, perché di lei ho solo informazioni che non permettono di identificarla, come il colore dei capelli e degli occhi, l'altezza e il peso. Non mi piacciono i misteri, quindi è nella mia natura essere curiosa e volerne sapere di più sulla mia donatrice di ovuli."

Tags: