PrivatiBlogFormare una famiglia – Come prepararsi per l'arrivo di un figlio?
Gravidanza

Formare una famiglia – Come prepararsi per l'arrivo di un figlio?

Come prepararsi per l'arrivo di un figlio? Rispondiamo alla domanda in questo articolo

Di solito diventare genitore rappresenta un grande cambiamento nella vita. È così per tutti: una madre single, una coppia lesbica o una coppia eterosessuale… Avere un figlio è meraviglioso ma anche impegnativo. Ci sono alcune cose che è meglio preparare prima dell'arrivo del bambino, sia a livello mentale che fisico. È bene prepararsi in anticipo, perché poi non vorrai fare altro che passare del tempo con il tuo bambino e dormire ogni volta che ne avrai la possibilità. In questo articolo ti proponiamo alcuni consigli su come prepararti per l'arrivo di un figlio, con alcune importanti cose da sapere e da preparare prima di tornare a casa con un neonato tra le braccia.

Come prepararsi per l'arrivo di un figlio?

Prima che tu te ne renda conto il tuo bambino sarà già arrivato: un momento entusiasmante e allo stesso tempo confuso. Ecco perché è meglio capire come prepararsi in anticipo. Sono parecchie le cose da preparare prima dell'arrivo del piccolo.

Vediamone alcune:

  • Prepara una zona notte per lui. Nelle prime settimane probabilmente rimarrete spesso a stretto contatto e dormirà sul tuo petto o su quello del tuo (o della tua) partner. Il Ministero della Salute danese consiglia di non addormentarsi mai con un bambino sdraiato sopra di sé; quando si va a dormire o semplicemente si fa un riposino è preferibile metterlo in culla. Rimanendo sdraiati pelle a pelle, la temperatura può aumentare parecchio perché il calore dal tuo corpo influisce sulla temperatura corporea del piccolo. È necessario rimanere svegli per valutare se inizia ad avere troppo caldo, quando si è sdraiati insieme. Oltre a mantenere stabile la temperatura del bambino, rimanere sdraiati pelle contro pelle ha altri vantaggi: contribuisce a stabilizzare la glicemia, favorisce la produzione di latte, rafforza il legame, calma il pianto e libera ossitocina, un ormone che procura piacere al bambino e alla madre.
  • Il cibo. Cucinare non è ovviamente una priorità, con un bambino appena nato. Trascorrerai la maggior parte della giornata con lui, allattandolo e cambiandogli i pannolini… e dormendo. Può quindi essere comodo preparare in anticipo del cibo da congelare per averlo portata di mano e prepararlo velocemente quando il bambino arriverà. Una soluzione facile e veloce. Chiedi aiuto a parenti a amici per la cucina e per le attività pratiche casalinghe, soprattutto se sei una madre single. L'aiuto di amici e parenti è importante. Saranno felici di aiutarti e la maggior parte delle persone sa che i primi tempi dopo l'arrivo di un neonato possono essere fantastici ma anche difficili.
  • Prepara l'ambiente. È un aspetto importante. Prepara la casa, rendila accogliente per l'arrivo del bambino in modo da non dover pulire e riordinare quando si rientra. È bello trovare la casa pulita e accogliente, per rilassarsi e riposare senza stress.
  • Prepara le cose del bambino. Questa è forse una delle attività più emozionanti quando si fanno i preparativi per l'arrivo di un figlio. È bene verificare che tutti i suoi indumenti siano lavati e pronti. Dovrai acquistare pannolini adeguati e preparare un fasciatoio. Alcune persone hanno un forte desiderio di preparare la camera del bambino ben prima del suo arrivo. Secondo me questa non è la parte più importante, perché il piccolo dormirà probabilmente con te per i primi tempi, preferibilmente in una culla accanto al tuo letto, così sarà anche più facile allattarlo e cambiargli il pannolino di notte. Inoltre, per i primi mesi non avrà bisogno di una stanza tutta sua perché i neonati trascorrono la maggior parte del tempo a dormire e mangiare.
  • Installa il seggiolino sull'auto. È importante che il seggiolino sia installato, perché è illegale e pericoloso guidare con un neonato non saldamente fissato. È consigliabile preparare il seggiolino qualche settimana prima della data stimata del parto, per essere pronti nel caso in cui il parto avvenga prima del previsto.
Una mamma single per scelta allatta il suo bambino

Allattamento: un lavoro a tempo pieno?

Come accennato, all'inizio il neonato passa la maggior parte del tempo dormendo e mangiando; raramente rimane sveglio. L'ideale è lasciargli un comodo accesso al seno e agevolargli l'allattamento quando ha fame. Fino a qualche anno fa si riteneva che un neonato dovesse nutrirsi solo ogni 3-4 ore, ma è un errore!

Deve avere libero accesso al seno e al latte in qualsiasi momento perché l'allattamento non serve solo per nutrirlo: l'allattamento al seno offre molti altri vantaggi e può anche fungere da conforto se il bambino è agitato o nervoso, o semplicemente se ha bisogno di stare vicino a te. È importante non privarlo dell'allattamento, anche ogni ora o addirittura più spesso, soprattutto perché il suo stomaco non può contenere grandi quantità di cibo, quindi è necessario allattarlo di frequente.

In secondo luogo, il latte materno si digerisce rapidamente, perciò il bambino cerca spesso il seno per mantenere stabile la glicemia. Non aver paura che possa aumentare di peso o crescere troppo velocemente: è in grado di regolare autonomamente la sensazione di fame e i livelli di zucchero nel sangue.

Allattare di frequente NON indica quindi una carenza di latte né che il tuo latte è poco nutriente. Anzi, è un segnale del fatto che il bambino è sano e sa perfettamente di cosa ha bisogno. Per allattare il tuo bambino devi essere a sua disposizione quando ha bisogno di te. Normalmente trascorrerai molte ore ad allattarlo e magari durante o dopo l'allattamento si addormenterà: è un buon segno. Puoi provare ad allontanarlo da te mettendolo nella culla o semplicemente rilassarti e goderti un po' di tempo vicino a lui. È un momento meraviglioso che trascorri insieme al tuo piccolo. Sentiti libera di accettare l'aiuto di parenti e amici per le attività quotidiane, perché l'allattamento è un lavoro a tempo pieno e all'inizio ti rimarrà pochissimo tempo per fare altre cose.

È importante ricordare che spesso anche il biberon comporta parecchio impegno: richiede la stessa presenza e lo stesso tempo insieme al bambino e può contribuire a tutte le cose positive che mancano nell'allattamento. Non c'è nulla di cui vergognarsi o di sbagliato nel dare il biberon al tuo piccolo: sarai una buona madre indipendentemente da come scegli di nutrirlo.

Ci sono molti luoghi comuni sulla gravidanza e sull'allattamento: ne abbiamo parlato in questo post del blog.

Una coppia lesbica in un momento di intimità

E per quanto riguarda l'intimità con il mio partner?

Nei primi tempi può essere difficile trovare il desiderio e l'energia per i momenti di intimità con il partner. Potresti aver avuto una rottura uterina durante il parto, con punti di sutura, magari senti dolore o semplicemente non ti va… È perfettamente normale. Dopo il parto è normale che una donna si senta completamente assorbita dal bambino e da tutti i cambiamenti del momento, quindi l'intimità con il partner può apparire come un'esigenza ingestibile.

Ma anche per il tuo partner può essere difficile diventare genitore; possono sorgere emozioni come la gelosia, il senso di impotenza e l'invidia. A volte è difficile conciliare il ruolo di madre che allatta con quello di partner sessuale. Se allatti potresti avvertire un calo del desiderio, perché avrai un alto tasso di ossitocina, l'ormone del piacere. È lo stesso ormone che il corpo produce quando si fa sesso e alcune donne riescono a soddisfare il loro bisogno di contatto e di vicinanza semplicemente allattando o abbracciando il neonato.

Il tuo partner non soddisfa necessariamente le stesse necessità allo stesso modo, perché non allatta il bambino e non ha lo stesso contatto con lui. È importante considerare le esigenze reciproche e immedesimarsi nell'altra persona, anche se può essere difficile. Il tuo partner potrebbe avere un forte bisogno di sentirti vicina, di intimità, mentre magari tu sarai pienamente soddisfatta semplicemente stando insieme al bambino. In questo caso è consigliabile cercare di dedicare un po' di energia e di tempo al tuo partner. Non deve essere per forza sesso: baci, abbracci o coccole possono andare benissimo.

Una coppia si prepara per l'arrivo di un bambino

In che modo il partner può aiutare?

Il partner di una neo-mamma può facilmente sentirsi escluso o trascurato; tutta l'energia è rivolta al neonato e potrebbe avvertire un senso di inadeguatezza. Potete individuare alcuni compiti da condividere, ad esempio, dopo che hai allattato il bambino, il tuo partner può trascorrere con lui un po' di tempo pelle a pelle. Possono anche essere attività più pratiche, come portare un bicchiere d'acqua o fare il bucato. L'importante è far sì che l'altra persona si senta considerata, ascoltata e apprezzata. Deve essere consapevole del suo ruolo attivo nel far conoscenza con il bambino, sia individualmente che insieme a te ed è altrettanto importante che tu, come neo-mamma, lasci al partner lo spazio di cui ha bisogno per farlo. Essere genitori significa stare insieme e impegnarsi insieme: quante più cose condividerete, tanto più intensa sarà la sensazione di vicinanza che può giovare alla vostra relazione.

Se in famiglia ci sono fratelli più grandi il partner può essere la loro persona di riferimento finché il neonato è ancora piccolo. Hanno bisogno di sentirsi considerati, ascoltati e apprezzati, soprattutto quando arriva un fratellino o una sorellina. È importante coinvolgere fratelli e sorelle maggiori nelle attività che riguardano il nuovo arrivato, come cambiare il pannolino, preparare la culla, trovare un ciuccio e cose del genere. Ti posso assicurare che saranno entusiasti di collaborare!

Può anche essere una buona occasione per "scambiarsi i ruoli" in modo che la mamma abbia del tempo da dedicare al fratello o alla sorella più grande mentre il partner si occupa del neonato. Come neo-mamma, ti accorgerai se i tuoi figli più grandi si sentono esclusi perché il nuovo arrivato occupa gran parte del tuo tempo. È perfettamente normale; le cose miglioreranno quando il bambino crescerà e richiederà meno impegno. La cosa fondamentale è che tu cerchi di fare ciò che è meglio per la tua famiglia.

Come prepararsi per l'arrivo di un figlio? Rimanendo tranquilla

Il modo migliore per prepararsi all'arrivo di un bambino è rilassarsi e approfittare dell'ultima occasione di prendersi del tempo per sé, per ascoltare le tue esigenze e il tuo corpo. Spesso si sente dire che ci si dovrebbe riposare finché si è in tempo, perché se ne avrà bisogno. Non è possibile dormire in anticipo, ma nell'ultima fase della gravidanza è normale sentirsi spesso molto stanche ed esauste, quindi il mio consiglio è quello di cercare di rilassarsi e godersi il tempo a disposizione, per sé o insieme al partner. Trascorrete del tempo insieme, andate a cena fuori, guardate un film o fate le cose che per un po' di tempo non avrete più l'opportunità di fare.  
Rilassati e goditi questo viaggio. E sappi che non sei sola.  
 
Se sei rimasta incinta con l'aiuto di un donatore di seme di Cryos ci farà molto piacere saperlo. La segnalazione delle gravidanze è importante per noi, perché ci permette di monitorare il numero di gravidanze rese possibili da ciascuno dei nostri donatori.

Mi chiamo Julie, sono un'ostetrica qualificata e lavoro presso il Servizio clienti Cryos. Sono ostetrica da 6 anni e ho esperienza in diversi reparti maternità; ho lavorato anche in Uganda. Sul blog di Cryos metto a disposizione conoscenze specialistiche sulla fertilità, la gravidanza e il parto. Spero di poterti aiutare a realizzare il sogno di avere un figlio.

Julie
Julie
[Tags]: