PrivatiPer i genitorLe esperienze di alcune persone concepite grazie a un donatore

    Le esperienze di alcune persone concepite grazie a un donatore

    Come genitori, vogliamo conoscere e capire i pensieri e le sensazioni dei nostri figli per aiutarli e sostenerli nel miglior modo possibile. Impara a conoscere meglio le persone nate con l'aiuto di un donatore, seguendo le loro storie personali e i risultati di studi sulla ricerca familiare.


    Se vorresti diventare (o stai per diventarlo) genitore di un bambino concepito con l'aiuto di un donatore, potrebbe farti piacere sapere come ci si sente ad essere uno di questi bambini, ma non c'è una risposta valida per tutti. Con l'eccezione di una storia leggermente diversa per quanto riguarda l'origine, chi nasce con l'aiuto di un donatore è esattamente come tutti gli altri: una persona con la propria complessità, con idee, emozioni e atteggiamenti del tutto individuali. In altre parole, le persone concepite con l'aiuto di un donatore sono molto diverse tra loro, così come lo sono le loro percezioni sul fatto di essere state concepite così.

    Un bambino concepito grazie a un donatore, felice in una famiglia non tradizionale

    Le persone nate con l'aiuto di un donatore generalmente vivono benissimo questo fatto

    Susan Golombok è professoressa di ricerca familiare e direttrice del Centre for Family Research dell'Università di Cambridge. Ha studiato diversi tipi di famiglia, comprese quelle con figli nati con l'aiuto di un donatore, e ha pubblicato diversi libri sull'argomento. I suoi studi dimostrano che i bambini nati con l'aiuto di un donatore sono sereni e non sono diversi da quelli delle altre famiglie. Spiega che quelli ai quali viene raccontato del donatore in tenera età non manifestano alcun disagio: possono non essere particolarmente interessati alle loro origini oppure avere la curiosità di saperne di più. I bambini che crescono in famiglie non tradizionali, tuttavia, rischiano ancora di essere discriminati: "la composizione della loro famiglia non ha effetti sul benessere di questi bambini, ma l'intolleranza sì."

    Puoi leggere ulteriori dettagli sulle scoperte di Susan Golombok e sul suo ultimo libro "We Are Family" qui.

     

    Ecco alcuni importanti risultati delle ricerche di Susan Golombok:

    • In genere si tende a ritenere che la struttura della famiglia sia molto importante per i bambini, ma in realtà è meno rilevante di quanto si possa pensare.
    • Anzi, le madri e i padri di bambini concepiti con l'aiuto di un donatore tendono ad avere un rapporto migliore con i figli, molto probabilmente perché diventare genitori non è stato facile.
    • Una comunicazione aperta è fondamentale e i genitori che parlano presto del donatore hanno rapporti migliori con i figli quando raggiungono l'adolescenza.
    • Nonostante i buoni rapporti osservati in queste famiglie, alcuni di coloro che nascono con l'aiuto di un donatore desiderano saperne di più sulle loro origini e per loro è importante ottenere informazioni sul donatore e sulle altre persone nate con l'aiuto dello stesso donatore.
    • Per questi bambini i problemi non nascono all'interno della famiglia, ma possono derivare dalla reazione delle persone esterne.



    Testimonianze di persone concepite con l'aiuto di un donatore

    Quali sono le sensazioni a proposito del fatto di essere nati con l'aiuto di un donatore? Ovviamente si tratta di una questione molto personale. Qui troverai le testimonianze di tre persone concepite con l'aiuto di un donatore che ora sono adulte e hanno avuto la gentilezza di raccontarci le loro storie.

    La storia di Emma: "Mi sono sempre sentita la bambina più desiderata del pianeta”

    Emma è nata con l'aiuto di una donazione di seme. Il suo è un donatore con Identità Non Rilevabile (non è possibile contattarlo) ed Emma lo considera un sollievo. Sa da sempre che un donatore l'ha aiutata a nascere e ne parla apertamente, in casa, con la sua famiglia. In questo video Emma ci racconta le sue esperienze e le sensazioni a proposito dell'essere stata concepita grazie a un donatore, e offre alcuni consigli ai genitori di bambini che nascono con l'aiuto di un donatore.

    Puoi leggere anche questo post con un'intervista a Emma, sul blog.

    La storia di Uffe: "Ho sempre avuto un papà, anche se non abbiamo gli stessi geni biologici”

    Anche i genitori di Uffe si sono affidati a un donatore con Identità Non Rilevabile. Quando aveva circa 10 anni i suoi genitori gli hanno spiegato che era nato con l'aiuto di un donatore ma, a differenza di Emma, da allora non ne hanno più parlato in famiglia.

    Puoi leggere l'intervista completa a Uffe qui.

    Se fosse stato possibile, penso che mi sarebbe piaciuto conoscerlo, ma all'epoca tutti i donatori erano anonimi (Identità Non Rilevabile) quindi non era possibile e non ho mai considerato l'eventualità.

    Uffe (48)
    CONCEPITO GRAZIE A UN DONATORE

    Fredrik: "Fa parte della mia vita da sempre” 

    Quando Fredrik aveva 5 anni, un giorno sua madre lo ha portato insieme a suo fratello a fare una passeggiata sulla spiaggia e ha raccontato ai due fratelli una storia a proposito del nascere sotto una buona stella. Ha spiegato loro che per mamma e papà era molto difficile avere figli in modo "naturale", così si erano affidati a un donatore.

    Puoi leggere la storia di Fredrik sulla sua vita da bambino nato con l'aiuto di un donatore qui.

    Sapere di essere nato con l'aiuto di un donatore, insieme al fatto che i miei genitori mi hanno raccontato tutto e sono stati aperti su questo, ha favorito, se possibile, un rapporto più stretto con loro

    Fredrik (31)
    CONCEPITO GRAZIE A UN DONATORE

    Nuove generazioni di bambini concepiti con l'aiuto di un donatore

    La percezione di cosa significhi essere concepiti con l'aiuto di un donatore e l'importanza di questo variano molto da persona a persona. Con una semplice ricerca su Google o YouTube troverai molte testimonianze personali sull'argomento, alcune positive e altre meno: per alcuni, l'essere stati concepiti grazie all'aiuto di donatori è irrilevante, mentre per altri rappresenta una parte molto importante di sé stessi.

    Nel leggere e seguire queste testimonianze è importante ricordare che il concepimento con l'aiuto di un donatore si è evoluto rapidamente negli ultimi anni. Le leggi sono cambiate, così come l'atteggiamento generale della società nei confronti dei diversi tipi di famiglia. I bambini concepiti grazie a un donatore che nascono oggi cresceranno in una realtà diversa rispetto a coloro che hanno origini simili e ora sono adulti. Il ricorso a donatori con Identità Rilevabile (che è possibile contattare), i consigli sull'adozione di un atteggiamento aperto e trasparente a proposito del ricorso a un donatore di seme e l'aumento del numero di bambini nati con l'aiuto di un donatore hanno cambiato radicalmente queste percezioni.